E’ uscito Chinatown di Giovanni Selis feat. Drashi

E’ uscito Chinatown di Giovanni Selis feat. Drashi

E’ uscito il brano Chinatown, featuring del cantautore sardo Giovanni Selis e del musicista Drashi.

Distribuito dall’etichetta algherese, ma operativa sull’intero territorio nazionale, La Stanza Nascosta Records su tutte le principali piattaforme digitali e promosso da Verbatim Ufficio Stampa.
Il singolo- da oggi in rotazione radiofonica su oltre ottanta emittenti- è accompagnato dal videoclip ufficiale per la regia di Stefano Pio, visibile sul canale VEVO di Giovanni Selis. https://www.youtube.com/watch?v=KX002octqdQ

Selis, classe 1989, è un cantante, autore, arrangiatore e polistrumentista di Tempio Pausania. Ha studiato canto e pianoforte al Conservatorio di Musica Luigi Canepa di Sassari. Importante la collaborazione, durata circa due anni, con il produttore discografico Piero Calabrese, che in Italia ha scritto- tra gli altri- per Alex Baroni, Giorgia, Zero Assoluto e, dal 2009, ha prodotto per Cantieri Musicali Marco Mengoni. Qualche anno prima (nel 2012), Selis ha partecipato con la bandSense Of Time alla finale del Cantagiro, ricevendo il Premio delle Critica da parte della cantautrice Grazia Di Michele e del responsabile del patrimonio sonoro RAI, Dario Salvatori. Ha preso parte anche a un’edizione di Una Voce Per Sanremo.

Chinatown” segue la pubblicazione del lavoro Vivo per metà (La Stanza Nascosta Records, 2017) sviluppando a pieno soluzioni già presenti nel brano Una cosa sola, per stessa ammissione dell’autore un brano dalla base quasi Trap, ma molto delicato, che preannuncia un po’ lo stile dei brani che seguiranno l’album.

Selis e Drashi si inscrivono nell’onda nuova di rimatori corredati di beatbox, superando tuttavia l’individualismo selvaggio di certa trap, improntata ad una sterile autoreferenzialità, ed approdando al racconto lucido di un tessuto sociale condiviso.

Chinatown-spiega Selis-è un brano sul progresso tecnologico, nel quale i cinesi sono maestri. I cinesi, così pazzi, ma così precisi, ci hanno invaso. E ora dettano loro i ritmi dell’economia nel mondo.

La Cina ed i cinesi sono il pretesto per veicolare un messaggio,- racconta Drashi- mi riferisco alla superficialità, alla facilità di giudizio e soprattutto all’assoluta mancanza di introspezione da parte dell’individuo, che preferisce puntare il dito piuttosto che guardarsi dentro. Possiamo permetterci di criticare perché siamo sostanzialmente dei privilegiati.

Il paesaggio sonoro di Chinatown coniuga ritmi dilatati ed un massiccio dispiegamento di synth, beat reiterati e kick pesanti, sui quali si innesta un rappato quasi robotico.
Abbiamo impiegato- -spiega ancora Selis- suoni di ultima generazione“Oriental Trap”; non mancano il consueto pianoforte “Alicia’s Keys”e una bella base di 808, semplice ma efficace.

Maggiori informazioni sono disponibili sulla pagina fb ufficiale di Giovanni Selis  e sul sito dell’etichetta (http://www.lastanzanascostarecords.com/)


Tags assigned to this article:
Trap

Related Articles

SALVATORE AMARA LIVE E PRESENTAZIONE LIBRO “UN SALTO NEL BLUES”

Sabato 12 live in acustico di e presentazione del libro al Plato. Il bluesman e chitarrista cagliaritano Salvatore Amara si

ADELE GRANDULLI PRESENTA IL NUOVO VIDEO “RICORDI SVANITI”

E’ appena uscito il primo brano del nuovo album della cantante Adele Grandulli, feat. Manuel Kresy. Adele Grandulli in questo

Time in Jazz trentunesima edizione “XXXI”

Al via mercoledì la trentunesima edizione di Time in Jazz, dal 8 al 16 agosto tra Berchidda (Ss) e altri

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*