fbpx

Claudio Collu, lo scrittore della notte | Spettacolart

Claudio Collu, lo scrittore della notte | Spettacolart

Intervista a Claudio Collu e presentazione del libro Soste!

In occasione della prima serata di MusicArte showcase del 28 Novembre 2019, nel Laboratorio artistico di Rivista Donna,  abbiamo incontrato Claudio Collu.

E’ nato a Roma e cresciuto a San Sperate, paese di artisti e famoso per i suoi murales, in provincia di Cagliari.
Sin da giovanissimo si diletta a scrivere esplorando vari campi a disposizione: dalla poesia al racconto breve, dai fumetti ai testi di canzoni.

Ha frequentato un corso per sceneggiatura cinematografica a Bologna, e corsi di fumetti tra cui il Centro Internazionale del Fumetto diretto da Bepi Vigna.

Dal 2007 al 2012 ha collaborato con il gruppo Chine per la testata Resto Mancia. Ha pubblicato sei libri.

Claudio sei anche un appassionato e collezionista di fumetti – ci siamo conosciuti in occasione di una mostra espositiva – e anche grande appassionato di musica.

Negli anni novanta suonavo la batteria in un gruppo di amici, suonavamo punk di quello incazzoso, in quegli anni nell’ambiente punk, underground e heavy metal c’era una scena fiorentissima e si andava ai concerti con qualsiasi mezzo, in bicicletta, a piedi, autostop, insomma, senza pensarci su troppo.

Hai all’attivo sei libri autoprodotti.

I libri sono tutti autoprodotti perché le case editrici fanno tutto a pagamento, ti promettono mari e monti e poi tutto svanisce…

Il primo è stato un libro di poesie uscito nel 2001, è stato un regalo di mio padre
e l’ho scritto quando stavo a Bologna.

Poi sono usciti due libri di racconti, fantascienza e horror. Di seguito sono usciti altri due libri di poesie e poi quest’ultimo, Soste!, che sono dei racconti brevissimi, autobiografici, scritto in un particolare momento della mia vita.

Il tuo è un Vagare nella notte, dove incontri i tuoi sogni e le tue paure, le tue malinconie e le tue speranze, dove lotti contro il conformismo, lo sfruttamento, i soprusi e i sistemi repressivi.
E poi gli incontri con gli amici, la musica e sei alla ricerca di quel momento sospeso e magico che ti collega con l’ignoto.

“A voi vivere la prima linea notturna come luogo magico o
come anticamera delle vostre peggiori paure”.

Questa è una sorta di metafora; a me piace parlare con tutti, dal bambino all’anziano e quando si entra in sintonia si parla anche in maniera più profonda.

Quello che noto è che c’è molta solitudine e molte volte si  è sommersi anche da mille problemi e dare ascolto è già un grande supporto.

Ognuno di noi ha le sue paure e attraversa dei periodi bui e confrontarsi con gli altri può essere di grande aiuto e conforto, e alla fine si riesce sempre a trovare uno spiraglio di luce

“Ho quasi la vaga sensazione che voglia sprofondare; giù, in
fondo ad un abisso assieme ai ricordi più disperati.
Ma non è tempo di pensare a questa pesante croce.
Altre Meraviglie, piccole e semplici, attendono; una volta
cessato di piangere”

Nel racconto è evidente la vena di sconforto di storia vissute che non si lasciano vincere mai. Diventano vita vissuta, esperienze ed insegnamento. Tutto lascia il posto sempre a una visione positiva del presente e dell’immediato futuro, come se ci fosse una forza trainante in te, una fiducia assoluta nell’universo.

Be, almeno ci proviamo! Uso un paragone platonico col “velo di maya” di Schopenhauer, una volta che ti togli il velo, i paraocchi e vai e provi, vivi le esperienze e non sempre si vince.

Ogni volta che abbiamo delle batoste questo non vuol dire che rimaniamo distesi, anzi…

SOSTE!

Nel tuo girovagare notturno incontri gli amici, per un caffè o per bere qualcosa in compagnia, possibilmente, di buona musica.

Le figure che incontri spesso nel tuo girovagare notturno sono le ragazze , che definisci come ….fiori sempreverdi di queste lunghissime , interminabili notti invernali.

“Tutte le volte che la finisco in storie del genere, per fortuna

(già!) non sono più così ingenuo e rimango stoicamente in
disparte, cercando di godermi la serata senza la super fissa
di cercare solo con lo sguardo chi non c’è”.

Questo è un gioco di illusioni o speranze, quando ti succedono delle cose e hai un rimuginare dentro, anche se non lo mostri all’esterno.

Claudio Collu
Per maggiori informazioni su Claudio Collu:

Visitate la pagina facebook

scrivete una mail a spettacolart@gmail.com

MusicArte showcase nasce dalla collaborazione fra SpettacolartRivista Donna www.rivistadonna.com  e ci vede impegnati nella direzione artistica e conduzione di degli incontri periodici con cadenza mensile dedicati agli artisti che si terranno nel Laboratorio Artistico, in via Iglesias 33 a Cagliari, con ingresso aperto al pubblico.

Marco Sotgiu

Marco Sotgiu

Fondatore e Direttore di spettacolart.it Appassionato di musica. Suono la batteria. Non sono un giornalista.


Tags assigned to this article:
Claudio ColluLibriscrittoreSoste!

Related Articles

Vinylove: ama la musica, regala un vinile

Domenica a Napoli “Vinylove: ama la musica, regala un vinile”. Showcase live e presentazioni esclusive, tanto vinile e contest per

CONCERTI CAGLIARI: MOONAGE MANTRA – LIVE IN ANTEPRIMA

Giovedì presentazione a Cagliari di “Moonage Mantra”, il nuovo disco dei Dorian Gray. Dopo le anteprime del mese scorso a

Il Trovatore di Giuseppe Verdi a Sassari con la direzione d’orchestra del giovane Alberto Maniaci | Spettacolart

TEATRO: venerdì 6 dicembre e domenica 8 dicembre andrà in scena Il Trovatore di Giuseppe Verdi presso l’Ente Concerti Marialisa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment