FACES OF ALEX

FACES OF ALEX

Faces of Alex

Jazz, Fusion, Progressive.

Faces of Alex è il nome del progetto ma anche il nome d’arte del pianista, compositore sardo Alessio Zucca, 27 anni di Dolianova.
Alessio si diploma al conservatorio di Cagliari in piano jazz nell’ottobre del 2013.

Da sempre amante della musica progressive, cresciuto con gli ascolti dei Genesis, King Crimson e di un vastissimo panorama musicale che va dalla Fusion al Metal si avvicina a 20 anni al jazz e all’improvvisazione del quale apprezza soprattutto i linguaggi più moderni.
Decide di avventurarsi nella composizione di un proprio disco solista The Tree of Timeless (in uscita nell’Aprile 2016) durante il suo biennio di studi Jazz a Bologna nel 2014 battezzando il progetto con il nome di Faces of Alex (il significato del nome è la voglia di non mostrare solo un volto musicale ma la propria voglia di poter spaziare liberamente).


L’idea si fa più concreta durante gli studi in erasmus a Cracovia dove durante le numerose Jam Session conosce il talentoso violinista polacco Dominik Bienczycki e lo ingaggia nel progetto.

Nel frattempo inizia a suonare anche con altri musicisti del posto con i quali registrerà altri due pezzi del disco: la batterista Liliana Zieniawa, il sassofonista Alex Clove il contrabbassista Piotr Wojnarowski con cui crea anche un quartetto jazz all’attivo: i Tenpasten.

Le registrazioni dell’album iniziano dapprima a distanza nel Maggio del 2015 e continuano successivamente nel Panda studio di Lunamatrona in Sardegna al ritorno del pianista dall’ Erasmus e vedono per una gran fetta del disco la ritmica composta da: Mauro Medde al basso elettrico, Andrea Murtas alla batteria, e al vibrafono il giovanissimo Jordan Corda.

Il disco presenterà molte influenze che vanno dal Progressive al Jazz moderno, dalla Fusion alla colonna sonora fino a toccare delle sonorità vicine alla musica classica.

A dimostrazione di ciò un organico strumentale abbastanza vario che vede in alcune tracce l’aggiunta il violoncello di Flavio Malatesta, il sax tenore di Davide Romeo, al flauto traverso Michela Pitzianti e alla voce la cantante soprano polacca Paulina Bielarczyk.
Un disco di cui due singoli Krishnamurti e Fire on Ice si possono sentire in anteprima su Youtube.

https://www.youtube.com/watch?list=FLa5bL0mYwdilTyKhV53EUCA&v=mlncpzEHoh4

Per maggiori informazioni:

Visita la pagina Facebook Faces of Alex

Pagina You Tube Faces of Alex

TWITTER

Marco Sotgiu

Marco Sotgiu

Fondatore e Direttore di spettacolart.it Appassionato di musica. Suono la batteria. Non sono un giornalista.


Tags assigned to this article:
FusionJazzProgressive

Related Articles

MARCO SOTGIU

Marco Sotgiu Batteria Classe 65, suono con piacere i generi Jazz, blues, fusion, latini, rock e funk. Sono cresciuto musicalmente

IL GIARDINO

Alternative rock. Il Giardino nasce da un’idea di Alberto Atzori (voce) e Fabiano Musinu (chitarra) nel 2010, originariamente con il

NICOLA SCHINTU

Nicola Schintu, Chitarra. Ho iniziato a suonare a circa diciotto/vent’anni e un’anno dopo sono entrato a far parte di una

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*