fbpx

GRANDE FESTA PER I 25 ANNI DI MUSICA DI SALVATORE AMARA

GRANDE FESTA PER I 25 ANNI DI MUSICA DI SALVATORE AMARA

musica.vivereacagliari.com ha organizzato la serata che ha visto protagonisti Salvatore Amara & The Easy Blues Band sul palco del teatro degli Intrepidi Monelli.

Il 18 Giugno abbiamo registrato il tutto esaurito alla grande festa del Blues per i 25 anni di musica dal vivo del chitarrista, cantante e autore cagliaritano Salvatore Amara, che con la sua band ha dato il massimo per rendere unica questa serata, con una performance sul palco di altissimo livello. I brani del repertorio presentato sono prevalentemente composti da Salvatore Amara e fanno parte dei 2 dischi prodotti finora, in cui il blues è protagonista insieme al boogie, country, R’N’R, ballads & spirituals.
In sala la risposta non è stata da meno, gremita da un pubblico caloroso che ha applaudito e partecipato alla serata.
Erano presenti anche diversi musicisti che hanno condiviso un percorso musicale e di amicizia con Salvatore e che si sono uniti alla band per rendere omaggio al festeggiato.

“Bella serata davvero, ottima qualità dei musicisti e molto bella la location” – sostiene Davide Pirodda, chitarrista fra i più noti in Sardegna – primo ospite a salire sul palco per un bel blues con la sua chitarra grintosa.

A seguire si sono alternati sul palco gli altri ospiti: i cantanti Mino Martone, Duggy e Ivanalen, i chitarristi Beppe Blues e Gianni Pintus, l’armonicista Francesco Cocco, che si sono uniti alla Easy Blues Band formata da Roberto Loi al basso, Paolo Demontis all’armonica e Fabio Cuccu alla batteria, con la preziosa collaborazione della cantante Valentina Frau e  di Mauro Mulas alle tastiere.

“Con Salvatore è stato come entrare in contatto con il mio alter ego… – sostiene Mino Martone – È stato come tornare a casa… Una casa fatta di Musica Blues, Country e Rock…. Ci rispettiamo come Artisti perché siamo coscienti della nostra UMANA Professionalità…. Con la Band è stato un gran bel lavorare e ormai siamo legati da una Amicizia inossidabile… Posso dire senza tema di smentita che Mino Martone è un componente della Easy Blues Band a tutti gli effetti…. Suonare con loro mi procura gioia immensa….. Still Got the Blues…. Amen!”

C’è grande entusiasmo della cantante Valentina Frau, che da diversi anni collabora con la band: “la serata è stata stratosferica, sia per il livello musicale e sia per l’atmosfera che si è creata nel teatro, che ha coinvolto tutti. Tutte le persone che erano con me hanno mantenuto un’aria così esplosiva e di alto livello perché con Salvatore tutto si trasforma.
Io ormai è da tre anni che lo seguo e questa collaborazione mi ha plasmato, e cantare con lui e con i musicisti che collaborano durante gli spettacoli per me è come attraversare la strada senza pericoli. E’ fantastico immergersi nei ritmi del Blues con una tale sicurezza e passione con cui avviene con la band di Salvatore Amara. Ormai vado ad occhi chiusi con loro. Per non parlare del duo con Davide Pirodda e Salvatore Amara che mi hanno accompagnato in Ramblin’ on my mind… quel pezzo è stato quello in cui mi son sentita esplodere di musica!”.
La serata è stata fantastica, due ore di musica di eccellente qualità, sono volate via in modo coinvolgente – afferma Duggy Dug – la location era bellissima e bellissimi erano gli effetti luci sul palco; è stato molto bello vedere alternarsi diversi musicisti che sono venuti al concerto per festeggiare i 25 anni di attività live di Salvatore, in un clima festoso e amichevole. La mia partecipazione ha voluto essere un piccolo contributo per un artista che stimo e apprezzo molto per le sue doti di musicista e cantante, ma anche come performer che sa stare sul palco e coinvolgere il pubblico come pochi. Mi sento molto onorato di aver preso parte a questo bellissimo evento, con la musica che ha coinvolto tutti in una serata qualitativamente altissima.

In sala era presente anche Davide Martello, di Radio Sardegna Web, nonche’ batterista cagliaritano: “a parer mio la serata ha rappresentato pienamente l’ambiente Blues Cagliaritano, un momento di divertimento e di condivisione che accompagna questo genere da sempre e che grazie a questa serata celebrativa ha fatto in modo che questo mix di sensazioni positive potesse essere goduto sia dal palco che dalla platea all’unisono.
Tanti artisti sul palco e fuori che in un modo o nell’altro hanno voluto essere presenti per celebrare una carriera live, quella di Salvatore Amara, che indubbiamente sta lasciando il segno e che certamente continuerà a lasciarlo per ancora molto tempo! Una serata quindi divertente, diversa e che dovrebbe essere d’esempio per chiunque ami la musica e capisca che suonarla e ascoltarla sono due facce della stessa medaglia chiamata divertimento!”.

“La prima volta che ho sentito suonare Salvatore Amara e la sua band é stato in un locale con spazi angusti e acustica precaria- sostiene Tony Pala – invece questa volta il teatro era perfetto, il concerto è stato veramente trascinante, è piaciuto tanto sia a me che alle amiche che mi accompagnavano. Lui si muove con grande naturalezza sul palco e la banda lo segue alla perfezione. Un finale in gran crescendo insomma veramente uno spettacolo travolgente. Una nota particolare per il pezzo cantato in italiano, “Mi avete rotto il blues”. Mi è piaciuto tantissimo perchè è vero blues e per molti o quasi tutti quelli che non capiscono il significato del testo cantato in inglese, é stato bello seguire e capire l’ironia e il senso di una vera canzone blues. Credo che in futuro debba ripetersi e magari aprire una nuova porta del blues in lingua italiana.

In sala sono presenti diversi musicisti, fra cui il chitarrista Tore Contu:”andare ad un concerto di Salvatore Amara, sia che si tratti di acustico o meno, è sempre una bellissima esperienza. L’artista è capace di coinvolgere il pubblico con una evidente esuberanza innata che è probabilmente frutto di vita vissuta e non certamente meramente di studio, lo dimostra il fatto che anche quando si presentano problemi tecnici, è capace di sminuirli a tal punto da farli diventare parte integrante dello spettacolo. La musica proposta, nonostante faccia parte della immensa sfera del “blues”, presenta risonanze sarde, le quali risultano evidentemente imprescindibili. Di buon impatto ci sono state anche le varie apparizioni di artisti sardi che hanno degnamente suffragato lo spettacolo. La location del teatro “Intrepidi Monelli” di viale Sant’Avendrace 100 a Cagliari, si è dimostrata all’altezza, nonostante le motivate perplessità iniziali, di contenere un concerto blues con la C maiuscola. A livello personale posso affermare che nonostante le varie buffonate che ci propina la televisione con i pessimi cosidetti “talent show”, la musica in Sardegna è sempre fiorente, grazie ad artisti di questo calibro, ecco perchè mi sento di fare un appello: Andiamo ai concerti live, sosteniamo i nostri artisti acquistando i loro prodotti, sosteniamo la buona musica”.

Ed ecco il protagonista, Salvatore Amara: “è stata una splendida serata, e colgo l’occasione per esprimere i miei personali ringraziamenti a tutti i cari amici, musicisti e amanti della musica, che hanno reso indimenticabile questa festa dei miei primi (spero!) 25 anni di LIVE”.

musica.vivereacagliari.com ringrazia:

tutti i musicisti che hanno suonato con grande passione ed il pubblico che ha partecipato entusiasta, rendendo questa serata una grande festa della musica;

lo sponsor Solution, consulenze aziendali, che ci ha aiutato a rendere possibile questo grande evento.

Banner

Marco Sotgiu

Marco Sotgiu

Fondatore e Direttore di spettacolart.it Appassionato di musica. Suono la batteria. Non sono un giornalista.


Tags assigned to this article:
balladsBluesboogieCountryr’n’rspirituals

Related Articles

CONCERTI CAGLIARI: THE SOUL TRAIN BAND E MAURO AMARA COUNTRY TWANGS

Grande successo della serata dei Live di Vivere a Cagliari con due bands sul palco per la presentazione di due

“Apri La Finestra”, il primo singolo di Christian Frosio

Il 14 ottobre è uscito “Apri La Finestra” di Christian Frosio, primo singolo e video estratto da “Mille Direzioni”. Un

I BE FUNK APRONO IL NUOVO ANNO AL BFLAT

Sergio Tronci bassista co-fondatore dei Be Funk ci ha parlato della band che strizza l’occhio alla jazz-fusion e al funk.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment