Fioricoltura-Daniela

INTERVISTA A PATRIZIO FARISELLI

INTERVISTA A PATRIZIO FARISELLI

Intervista integrale in occasione del concerto al Festival Musica Sulle Bocche.

 

Patrizio Fariselli, pianista, compositore, arrangiatore.
E’ il fondatore degli AREA, il gruppo nasce grazie al suo incontro con Demetrio Stratos. Il gruppo ha aperto un percorso jazz-rock che ha fatto storia in Italia negli anni ’70.
Patrizio Fariselli è la mente del gruppo e le composizioni sono firmate principalmente dalla sua penna. Con lo scioglimento del gruppo, inizia l’attività da solista. Il Maestro ha pubblicato una ventina di dischi come co-leader e leader.

Nel 2014 è uscito l’ultimo progetto pubblicato dalla Sony “ Il Piccolo Atlante delle Costellazioni Estinte” che ha presentato al Festival Musica Sulle Bocche 2014 a Santa Teresa di Gallura.

Per l’occasione abbiamo intervistato Patrizio Fariselli.

La musica è un percorso, diverso da musicista a musicista: quando hai capito chi volevi essere ed esprimere?

Patrizio Fariselli: Se ti devo dire la verità, nonostante la mia età, non ho ancora ben capito. E lo considero una risorsa, perché l’unica costante del mio lavoro è l’imprevedibilità. La possibilità di cambiar direzione in qualsiasi momento. O anche di tacere. Ho persino smesso di suonare per una decina di anni, anche se ho continuato a studiare e comporre.

Il mio percorso di ricerca si lascia guidare dagli input che la curiosità, la creatività e il caso mi mettono davanti di volta in volta.

 

Lo stile di un musicista cambia con l’esperienza, c’è qualcosa che ti porti dietro da quando eri agli inizi?

Patrizio: La consapevolezza che lo “stile” può essere una trappola. Mi spiego. Lo stile è una cosa che ti trovi addosso, legato all’evoluzione della tua pratica. Se è una cosa ricercata sin dall’inizio della carriera, significa che tracci dei binari davanti a te e quanto meno rischi di essere prevedibile. Sarai più facilmente riconoscibile, ma prevedibile, e questo un po’ mi ha sempre disturbato.

 

Raccontaci un aneddoto, una storia simpatica o significativa successa durante la tua musica

Patrizio: Ti rimando al mio libro “STORIE ELETTRICHE” composto quasi esclusivamente di storielle e aneddoti basati soprattutto sulla mia esperienza con gli Area. Lì troverai tutto quel che serve.

 

Che cosa favorisce la creazione? Ci sono situazioni, momenti…. cosa favorisce l’ispirazione?

Patrizio: L’attenzione a vivere in uno stato psico-fisico coerente, in cui le differenze tra il pensiero musicale e il suono stesso si annullano. Ma anche un doppio scotch può aiutare.

 

Il 31 sei al festival Musica sulle Bocche, suonerai il tuo ultimo lavoro “Piccolo Atlante delle Costellazioni Estinte”

Patrizio: Mi lascerò guidare soprattutto dal feeling del momento.
Probabilmente, oltre a estratti dal mio “Piccolo Atlante delle Costellazioni Estinte”, eseguirò parti di “Notturni”, un lavoro di tre anni fa, qualche pezzo dal repertorio Area e alcuni brani inediti.

 

Per maggiori informazioni e contatti:

Per maggiori informazioni visita il sito internet


Tags assigned to this article:
Intervista al musicistaintervista jazzInterviste

Related Articles

INTERVISTA A PAOLO DEMONTIS PER “SULLE STRADE DEL BLUES”

Abbiamo incontrato Paolo Demontis, direttore artistico del Festival Sulle Strade del Blues. L’armonicista cagliaritano noto nella scena blues sarda ci

INTERVISTA A GIPPO DI NAPOLI DELLA BANDAKADABRA

La street band che porta l’allegria per le strade di Santa Teresa di Gallura. La street band torinese Bandakadabra è nasce nel

INTERVISTA A PATRICK ATZORI

Abbiamo intervistato Patrick Atzori dopo il grande successo ottenuto ai live di Vivere a Cagliari, per “La Chitarra: regina per