fbpx

PIZZICA PIZZICA: ALLA RISCOPERTA DEL BALLO SALENTINO QUASI PERDUTO | Spettacolart

PIZZICA PIZZICA: ALLA RISCOPERTA DEL BALLO SALENTINO QUASI PERDUTO | Spettacolart

Migliaia di visualizzazioni in poche ore per il documentario ideato da Karkum Project sul ballo salentino Pizzica Pizzica con la danzatrice e ricercatrice Franca Tarantino.

Il progetto è ambizioso: creare e diffondere un documento, fruibile a tutti, sulle vere origini del famoso ballo salentino.

Un appello, per certi versi, quello di Karkum Project e di Franca Tarantino, contenuto nel documentario lanciato pochi giorni fa sul web.

LINK VIDEO: https://www.facebook.com/karkumproject/videos/300045677568987/

Lo scopo è quello di preservare le nostre radici culturali, sempre più spesso minacciate da mode e fenomeni televisivi che, di fatto, ne sconvolgono totalmente il senso.

La considerazione di partenza è semplice: la cultura coreutica popolare salentina è stata negli anni tacitamente trasformata in un’accattivante creatura del marketing, capace di attirare turisti e fruitori, ma, allo stesso tempo, di cancellare e ridisegnare la memoria e le radici culturali di un popolo.

Il documentario prodotto e ideato da Karkum Project mette in luce e in scena il vasto lavoro di ricerca affrontato dalla danzatrice, ricercatrice e psicoterapeuta Franca Tarantino.

E’ un viaggio emotivo lungo la realtà contadina e le vere origini della Pizzica Pizzica (erroneamente denominata pizzica o taranta). Attraverso la visione ed il racconto autobiografico della protagonista si indagano le vere ragioni che hanno portato la pizzica a divenire “neopizzica”, le distorsioni e la diffusione di un cliché erroneamente perpetrato nei diversi “folk revival” che si sono susseguiti sino ad oggi.

Un campo sempre poco esplorato quello della danza salentina, un vero e proprio “buco culturale”, ricco di superficialità, al contrario delle tante ricerche musicali e antropologiche che dettagliatamente sono riuscite a spiegare e preservare la tradizione.

Afferma Karkum Project:

Abbiamo affrontato questa piccola, ma grande, impresa con tanto entusiasmo e voglia di dare un contributo alla tradizione e alla ricerca. La prima di una serie di attività culturali inerenti alle tradizioni popolari italiane.

Siamo estremamente felici di aver scelto Franca, che, senza ombra di dubbio, è una tra le persone più preparate in circolazione, per quanto concerne la danza salentina. Un ringraziamento sincero e doveroso va anche al danzatore, musicista Giuseppe Delle Donne, per le sue performance artistiche contenute nel documento. Il nostro obiettivo non era solo quello di informare, ma anche di lanciare un messaggio preciso ed inequivocabile: La danza tradizionale è cultura, dunque, va salvaguardata.

Un vero e proprio bagno di realtà lontano dalle seducenti gonne sventolanti, verso la riappropriazione della tradizione di un ballo, per certi aspetti privato, comunitario e familiare.

Portare lo spettatore in una dimensione empatica con il protagonista è stato un fattore fondamentale nella rappresentazione, per disegnare simbolicamente (ma effettivamente) “il tramonto della tradizione in atto”.

In un mondo fatto di velocità ci ha stupito positivamente la risposta e l’interazione ottenuta in poche ore sul web.

In ultima istanza ci sentiamo di essere ottimisti per il futuro, perchè quando c’è un interesse culturale, che spinge tante persone ad informarsi e a dedicare dieci minuti del proprio tempo alla visione di un contributo, non possiamo che considerare questa cosa, come una gran bella notizia per tutti.

Karkum Project

www.karkumproject.it



Related Articles

DIVENTA REPORTER ED ENTRA A FAR PARTE DEL NOSTRO TEAM!

Diventa reporter del sito web sulla Musica in Sardegna! Stiamo cercando persone come te, che vanno a vedere una serata

“A Bolu”, docufilm sul canto a tenore in Sardegna

Terminate le riprese dei tenores per il documentario “A Bolu”, ecco i teaser ufficiali. Via alla post produzione, in inverno

PULA BUSKERS FESTIVAL

Pula Buskers Festival, dal 22 al 24 luglio 2018 PULA (CA), 22 – 23 luglio dalle ore 21.30 Piazza del

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment