“RICORRENZE MUSICALI”: WILLIE BROWN

“RICORRENZE MUSICALI”: WILLIE BROWN

Venerdì 30 Dicembre, 20° puntata di “RICORRENZE MUSICALI”: WILLIE BROWN.

Rubrica ideata e curata da Salvatore Amara, chitarrista e autore cagliaritano.

Il giorno 30 DICEMBRE 1952 a Tunica, Mississippi, moriva
WILLIE LEE BROWN

WILLIE BROWN
Willie Lee Brown (Clarksdale, Mississippi 6 agosto 1900 – Tunica, Mississippi 30 dicembre 1952).
Cantante, armonicista e chitarrista slide blues. David Evans ha cercato di ricostruire i primi anni di vita di Willie Brown a Drew, in Mississippi, fino al 1929, e così ha scoperto che si sposò intorno al 1911, ad appena 11 anni, con la chitarrista provetta Josie Mills. Quindi, cantò e suonò la chitarra, esibendosi con Charley Patton e altri bluesmen nel circondario di Drew. Tali notizie vennero messe in discussione da Gayle Dean Wardlow e da Steve Calt, secondo i quali quello di cui parlava David Evans era un altro Willie Brown, ma Evans confermò quanto sostenuto, osservando che lo stile canoro e chitarristico di quel Willie Brown era assolutamente simile a quello delle registrazioni realizzate per la Paramount agli inizi degli anni 30, ossia M & O Blues e Future Blues, come nella tradizione degli altri musicisti provenienti da Drew, come Charley Patton, Tommy Johnson, Kid Bailey, Howling Wolf. Alan Lomax complicò ulteriormente le cose, e nel 1993 sostenne che il William Brown che aveva registrato in Arkansas nel 1942 finalizzato a documentare la musica della contea di Coahoma, in Mississippi, era lo stesso artista che aveva inciso per la Paramount. Scrivendo quindici anni dopo, Lomax si dimenticò che in realtà aveva registrato Willie Brown l’estate precedente, nel 1941, con Son House, Fiddlin’ Joe Martin e Leroy Williams, e in tale occasione Willie Brown suonò la chitarra d’accompagnamento in tre tracce con l’intera band, mentre da solo incise il terzo dei brani a lui accreditati, Make Me a Pallet on the Floor. Willie Brown visse a Robinsonville, in Mississippi, dal 1929 e intorno al 1935 si trasferì a Lake Cormorant, in Mississippi, e continuò ad esibirsi, occasionalmente con Charley Patton e costantemente con Son House, insieme al quale, così come altri musicisti, tra cui Lightnin’ Hopkins e Mississippi John Hurt, scomparve dalla scena musicale durante gli anni 40 e che raggiunse brevemente nel 1952 a Rochester, New York, per far poi ritorno a Tunica, in Mississippi, dove quell’anno stesso morì a causa di una malattia del cuore, prima del revival del blues degli anni 60, che purtroppo non fece in tempo a godersi.

Scheda liberamente e parzialmente tratta dal libro UN SALTO NEL BLUES, di Salvatore Amara – CUEC Editrice www.cuec.eu

Brano del giorno: ROWDY BLUES (blues rumoroso)
video

Willie Brown imparò presto a suonare la chitarra e si esibì per tutta l’area del Delta del Mississippi insieme ai più noti Charley Patton, Son House e Robert Johnson, con i quali è considerato uno dei pionieri del Delta blues, ma rispetto a questi ultimi non fu mai un leader ed un frontman, ma preferì accompagnare gli altri musicisti con cui suonava, anche perché, in tutta onestà, rispetto a questi era meno dotato, sia sotto il profilo tecnico, che dal punto di vista della creatività artistica. Questo brano è sintomatico della storia leggendaria che ammanta la vita di Willie Brown, trascorsa a fare da gregario ai più grandi nomi del blues, tanto che Rowdy Blues, inciso nel 1929, è stato accreditato a un tale chiamato Kid Bailey, anche se alcuni studiosi ed archeologi del blues sono convinti che Willie Brown non vi abbia suonato solo come musicista d’accompagnamento, ma in realtà sia proprio lui stesso ad aver usato il nome di Kid Bailey!!

VENTUNESIMO APPUNTAMENTO VENERDÌ 13 GENNAIO 2017
Nella prossima puntata di “RICORRENZE MUSICALI” si parlerà di
STEPHEN COLLINS FOSTER, deceduto a New York, New York, il 13 GENNAIO 1864

ACCEDI al FORMAT di approfondimento “PERCORSI MUSICALI”, sempre ideato e curato da SALVATORE AMARA in cui l’autore-chitarrista segnala alcuni aspetti, musicali e non, relativi al brano scelto.

Per maggiori informazioni:

– sull’Autore: visita il sito web www.salvatoreamara.it

Il libro UN SALTO NEL BLUES può essere acquistato nelle migliori librerie e anche on line su

www.ibs.it

www.amazon.it

e in tutti i principali portali web

Salvatore Amara

Salvatore Amara

Chitarrista, cantante, compositore, scrittore.


Tags assigned to this article:
BluesRicorrenze Musicali

Related Articles

Ozone Park Band

Ozone Park Band il jazz che si fonde con la musica progressive, con sonorità latine, elettronica passando per il sound

I LIVE DI VIVERE A CAGLIARI AL CAYO LOCO: QUEEN…LA VERA STORIA

Dopo il primo appuntamento del 4 Agosto con Cristina Lanzi, prosegue la programmazione con: Queen…la vera storia, a cura di

Blame it on you è il nuovo singolo di Luca McMirti

In uscita venerdì 18 maggio su oltre ottanta emittenti radiofoniche e su tutte le maggiori piattaforme digitali Blame it on

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*